Streptosil Neomicina Unguento Dermatologica 20 g 2% + 0,5% 023589043
    Streptosil Neomicina Unguento Dermatologica 20 g 2% + 0,5% 023589043

    Nessun punto premio per questo prodotto.

    8,90 €
    Tasse incluse

    Streptosil Neomicina Unguento Dermatologica 20 g 2% + 0,5%

     Infezioni cutanee superficiali (follicoliti, foruncolosi, piccole bruciature e ferite infette).

    LogoSancoInternet.jpg

     Calcola le Spese di Consegna

    Principi attivi

    10 g di polvere contengono: principi attivi: solfatiazolo 9,95 g, neomicina solfato 0,05 g. 20 g di unguento contengono: principi attivi: solfatiazolo 0,4 g, neomicina solfato 0,1 g.

    Eccipienti

    Polvere cutanea: nessuno. Unguento: olio di vaselina, vaselina bianca, cera bianca.

    Controindicazioni

    Ipersensibilità accertata o presunta a sulfamidici e neomicina.

    Non utilizzare nelle infezioni del condotto uditivo, né in vicinanza degli occhi.

    Posologia

    Polvere cutanea Sollevare il cappuccio colorato, premere ritmicamente e a fondo le due facce del flacone tenendolo orizzontalmente o leggermente obliquo; aspergere leggermente con la polvere la regione interessata e ricoprire con garza sterile; rinnovare l’applicazione due volte al giorno.

    Si raccomanda di praticare un’aspersione leggera, usando il minimo indispensabile di polvere per evitare la formazione di croste e permettere una rapida solubilizzazione e diffusione dei componenti.

    Non superare le dosi consigliate. Unguento Applicare un sottile strato di unguento 2–3 volte al giorno. Non superare le dosi consigliate.

    Gravidanza e allattamento

    Nelle donne in stato di gravidanza il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessità, sotto il diretto controllo del medico.

    Conservazione

    Nessuna speciale precauzione per la conservazione.

    Avvertenze

    A causa del rischio potenziale di lesioni al rene e all’occhio da neomicina, si deve evitare l’uso prolungato o l’impiego di elevata quantità della specialità su zone di cute estesa ulcerata, come infezioni cutanee secondarie a estese ustioni, ulcere trofiche ed in tutte le condizioni in cui è possibile l’assorbimento di neomicina.

    L’uso, specie se prolungato, dei prodotti per uso topico, può dare origine a fenomeni di sensibilizzazione.

    Dopo breve periodo di trattamento senza risultati apprezzabili, consultare il medico.

    Nella prima infanzia il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessità, sotto il diretto controllo del medico.

    TENERE IL MEDICINALE FUORI DALLA PORTATA E DALLA VISTA DEI BAMBINI

    Effetti indesiderati

    Sono possibili manifestazioni locali o sistemiche di ipersensibilità ai componenti la specialità, (arrossamento, gonfiore, prurito).

    Poiché tali manifestazioni possono aggravarsi è necessario alla loro prima comparsa interrompere il trattamento e consultare il medico per un’appropriata terapia.

    Come per ogni chemioterapico, l’uso prolungato può causare sovrainfezioni da microrganismi resistenti, compresi i miceti.

    Se ciò accade il trattamento deve essere sospeso e va consultato il medico.

    Sovradosaggio

    Non sono noti casi di sovradosaggio.

    Eventuali fenomeni tossici dovrebbero essere ricondotti alle componenti solfatiazolo e neomicina.

    In caso di sospetto sovradosaggio si deve ricorrere immediatamente al medico.